FEMCA

Entra nel vivo il progetto della CISL FVG “Le parole contano”

Nascerà in Friuli Venezia Giulia una libreria virtuale contro pregiudizi e discriminazioni di genere

I fatti di questi giorni, dalle gravissime affermazioni della giornalista Barbara Palombelli alle offensive t-shirt esposte al Biker Festival di Lignano, vanno ad evidenziare ancora una volta l’urgenza di affrontare il tema della parità di genere e del rispetto dal punto di vista anche del linguaggio. Ed è per questo che la Cisl Fvg, assieme al suo Coordinamento Donne, ha avviato ormai da un anno il progetto “Le parole contano”, dedicato proprio all’uso delle parole riferito ad alcuni contesti specifici: quelli della contrattazione, della conciliazione, della cura e della comunicazione. Un progetto che, oggi, non solo risulta attualissimo, ma entra nel vivo, con la costruzione di una vera e propria libreria virtuale, a disposizione di tutti, e pensata anche come materiale didattico per le scuole. “In questi mesi – spiegano per la Cisl Fvg e per il Coordinamento Donne, Claudia Sacilotto e Luciana Fabbro – abbiamo lavorato per gruppi, coinvolgendo sui quattro temi individuati, decine di esperti di vita quotidiana; persone di diversa estrazione e provenienza e con differenti prospettive, chiamate a ragionare attorno a 16 parole-chiave, precedentemente definite da alcuni docenti delle Università di Udine, Trieste e Padova, e fonte di discriminazione e pregiudizio nei confronti delle donne”. Parole come genere, femminicidio, vulnerabilità, uguaglianza, diritto, maternità e work-life balance, sono state, dunque, messe al centro di un confronto, spesso serrato, tra i partecipanti al progetto e in ogni gruppo le parole si sono riempite di tanti significati, arrivando alla costruzione di un nuovo vocabolario condiviso sulla parità di genere. Oggi su queste parole, con i loro significati ragionati e collettivi, si stanno costruendo dei podcast (la presentazione ufficiale si terrà il 25 novembre prossimo) destinati alla diffusione attraverso piattaforme come Spotify, ma anche nelle aule delle scuole e delle università, con l’obiettivo di aumentare la platea dei beneficiari in grado di attivare quel cambiamento culturale, urgente e necessario, verso la parità. “Le parole – commentano Sacilotto e Fabbro – veicolano significati e sceglierne alcune al posto di altre per comunicare contribuisce a delineare una narrazione che può presentare scenari assai differenti. Partendo da questa consapevolezza, diventa necessario attivare percorsi di ricostruzione culturale a cui tutte e tutti sono chiamati a contribuire”. “Le parole utilizzate dalla signora Palombelli o i messaggi veicolati dalle magliette a Lignano – aggiungono le due sindacaliste – sono il segno non solo di una preoccupante radicalizzazione culturale che tenta di giudicare le vittime della violenza rispetto ai presunti colpevoli, ma anche della superficialità e della violenza con cui le parole vengono pronunciate e i messaggi, sessisti e discriminatori, veicolati come se fosse tutto normale. Come Cisl Fvg non possiamo che condannare ogni forma di violenza, con la consapevolezza che anche le parole possono uccidere”. “Per questo – concludono – è sì fondamentale intervenire, anche a fronte dell’incalzante numero di femminicidi, sull’innalzamento delle pene e sul rafforzamento del Codice Rosso, ma è altresì sulla responsabilità collettiva verso un cambiamento culturale orientato al rispetto della persona, e che passa anche dall’utilizzo corretto delle parole”.

Related Articles

Lascia un commento